LUCA MAGNONE

LUCA MAGNONE
A cura di
Claudia Gelmini
Scritto il
01 agosto 2016
Condividi su:

Un’estate è dedicata al relax e…alla sperimentazione!
Ne abbiamo parlato con Luca Magnone, Capo Barman al Mare Pineta di Milano Marittima, uno dei resort più belli di una delle località turistiche più in voga della stagione.
Raccontaci come hai mosso i primi passi nel mondo dei cocktail.

Ho sempre saputo che questo sarebbe stato il mio mestiere, anche se la principio la mia famiglia non approvava. Così sono diventato odontotecnico, ma nel “94 mi sono buttato tutto alle spalle per prendere in gestione il mio primo bar. Dopo avere frequentato diversi corsi, tra cui quello di sommelier, ho iniziato aprendo questa piccola attività, un bar di paese lo definirei, in una frazione di Alessandria. Le cose sono andate molto bene: mi sono creato un mio giro e in breve tempo ho comprato un bar e, nel “98 un altro in Alessandria centro. Nel 2001 ho avuto un’idea innovativa e per la quale mi sono distinto nel mio settore: il winecocktail, ovvero la rivisitazione di cocktail classici utilizzando il vino, che è la mia grande passione.

Mi hanno parlato anche di una speciale acqua aromatizzata

È un ottimo drink dissetante con acqua San Pellegrino, mezzo lime spremuto, centrifugato di zenzero,  cetriolo a fette, ghiaccio e un ingrediente speciale: il rosmarimo battuto, importante perché sprigiona l’aroma che dà quel sentore particolare.
Tutti questi cocktail li ho sperimentati nella meravigliosa esperienza che ho fatto ad Expo: sono stato il capo barman della Terrazza San Pellegrino del ristorante Identità Golose e i miei drink venivano serviti con i dessert degli chef stellati. Mi manca molto Expo e non smetterò mai di ringraziare il mio amico di una vita lo chef stellato Andrea Ribaldone, che mi ha dato questa importante opportunità.
Il nostro rapporto è nato tanti anni fa dalla passione in comune per la bicicletta e da li abbiamo vissuto tante esperienze insieme come la scommessa del Mare Pineta Resort di Milano Marittima.

Parlaci un po’ di questa nuova sfida al Mare Pineta Resort di Milano Marittima

Sono onorato di partecipare a questa nuova avventura! In questo momento mi occupo di tre bar, spiaggia, tennis e piscina. C’è tanto da fare, ma io ho un’ottima squadra: Heros Tedesco e Riccardo Savà, sono due barman molto motivati e, anche se giovani, sono già esperti. Mi posso fidare del loro operato e questo mi dà la tranquillità per dedicarmi ancora di più a sperimentare.
Il mio motto è “vincere”, mi dedico al progetto al cento per cento e lavoro sempre con il sorriso.
Non vedo l’ora di arrivare al periodo clou della stagione per potere fare le serate giuste dietro al bancone a dare vita a nuove creazioni divertendomi.

Certo l’inventiva non ti manca, come prende la gente questi nuovi cocktail:?

Mi piace molto creare cose nuove, se gli chef possono creare piatti estremi, perché non può farlo anche un barman?! La gente o ama o odia le mie creazioni, in ogni caso ne è incuriosita e questo è l’importante.
La parte che preferisco di questo lavoro è la possibilità di creare drink a contatto diretto con l’ospite al bancone, instaurando un rapporto che mi permette di preparare il cocktail giusto per la persona che che si ha di fronte. Secondo me un buon bartender diventa anche un po’ psicologo, bisogna imparare ad ascoltare il cliente e capire cosa gli può piacere per mettere nel bicchiere tutte le sensazioni che ci ha trasmesso.

Oltre ai cocktail, hai qualche nuova idea per questa stagione a Milano Marittima?

In particolare, mi piacerebbe realizzare dei panini gourmet. Ti faccio alcuni esempi tra quelli che preferisco:
pan focaccia con scamorza affumicata mortadella ed emulsione di olio d’oliva, limone e ananas;
crostino di pane con mozzarella di bufala, bresaola, olio, gianduia e kiwi;
panino con insalata, stinco di maiale, fragole e aceto balsamico con condimento base.
Alcuni sono più indicati per la stagione invernale, ma quest’estate spero di riuscire a proporli ai clienti del Mare Pineta Resort per stupirli e soddisfarli con questi speciali accostamenti.

Tra winecocktail e panini gourmet, Luca Magnone promette un’estate ricca di nuove esperienze enogastronimiche! Con queste premesse un soggiorno di mare e benessere al Mare Pineta Resort di Milano Marittima sarà indimenticabile…

Brusco Spritz

LUCA MAGNONE 2

Moscow Mule

LUCA MAGNONE 3

Condividi questo articolo con i tuoi amici:

Dati anagrafici

Nome e Cognome

Luca Magnone, 45 anni

Luogo e data di nascita

Alessandria

Città attuale

Milano

GUSTI E TEMPO LIBERO

AL LAVORO

Brusco Spritz

Aperol, gazzosa, fetta d’arancio, prosecco e lambrusco.
Consigliato consumarlo con la cannuccia e senza mescolare per gustare al meglio il contrasto tra aperol e lambrusco.

Moscow Mule

Beer vodka, Gavi, zenzero, rosmarino, cetriolo e ginger.
Il Gavi, un vino bianco piemontese con una nota acidula, si sposa bene con la beer vodka in un mix che rende la bevanda più leggera e ideale anche per l’estate.